sabato 9 giugno 2018

ABITANTI DI TUTTA LA TERRA | Il grande intreccio Vita-Umanità-Comunità

Riccardo Petrella 
Contributo ai lavori preparatori per l’Agora degli Abitanti della Terra
Sezano 8 maggio 2018

Principi e coscienza
All’inizio  sulla Terra non c’era vita. Questa, si pensa, è apparsa  da più di 3,7 miliardi di anni. Dapprima con l’acqua i primi microorganismi, poi le piante e gli animali, poi le specie viventi anche fuori dell’acqua e  da solo circa 200-220 mila anni gli esseri umani. 
Siamo tante le  specie viventi della Terra, non solo differenti ma anche diverse. Eppure siamo tutte parti integranti della vita . Ogni specie, a sua volta,  è stata  e continua ad essere costruttrice e costruzione  in maniera   permanente di tante storie  di vita differenti   che hanno  condotto alla formazione di famiglie di esseri viventi, fra cui la specie umana. 

Sulla scala del tempo degli esseri umani, la coscienza degli esseri umani di far parte della specie umana e di costituire  un’entità chiamata  Umanità è pittosto recente . Ancor più recente  è la coscienza dell’Umanità di essere una comunità distinta dalle altre comuunità umane formatesi nel corso delle storie  quali la famiglia, il villaggio,  il comune, la città, il popolo, la nazione….. In effetti, quando oggi si pensa all’umanità e si vuole essere concreti, si fa ancora sovente riferimento al  concetto di « comunità innternazionale » e non a quello  di Umanità.
La coscienza è pero’ in formazione. Noi esseri umani pensiamo sempre più nettamente e chiaramente che apparteniamo,  insieme alle altre specie viventi,  alla stessa « madre di vita » che è la madre terra  e che il cammino umano è sempre più definito e costruito da processi e relazioni – e sistemi d’interrelazioni  - operanti a livello planetario  ai quali tutte le specie viventi partecipano . Non solo, ma pensiamo  anche che abbiamo fra noi umani una comunanza di vita in quanto Umanità, soggetto di storia collettiva.
La fase storica attuale è nuova perché  abbiamo preso coscienza di due certezze. 
La prima certezza è quella di essere la sola specie vivente capace di distruggere integralmente le forme di vita esistenti della Terra. Nessun’ altra specie vivente è capace di farlo, nemmeno i batteri.
La seconda certezza , derivata dalla prima, è costituita dall’evidenza  che solo l’Umanità, in quanto coscienza concreta della specie umana, puo’ assumere e garantire la responsabilità di salvaguardare, curare e promovrere l’integrità della  vita e della sua esisenza. Nessun’ altra specie puo’ assumere e garantire detta responbabilità. 

Responsabilità ed azione 
Come passare dalla coscienza di responsabilità all’opera di realizzazione degli obiettivi identificati ?
Per impedire che la prima certezza  si realizzi  è evidente che l’Umanità, in quanto tale, ,deve dar prova di voler e poter rimuovere / eliminare gli ostacoli che sono  all’origine dei processi in corso di  distruzione della viita della Terra, e cio’ in  complementarietà e cooperazione con   gli altri soggetti umani di storia nella misura in cui , pero’,  questi non restino elementi chiave bloccanti del cambiamento. Pertanto, l’opera di « de-costruzione » deve portare essenzialmente su
a) Il capovolgimento della concezione dominante del valore e del ruolo degli esseri umani, in particolare del  lavoro umano, secondo la quale gli esseri umani hanno  valore solo se sono « risorse umane » produttive o consumatrici da cui estrarre ricchezza monetaria appropriabile a titolo privato ; 
b) relegare alla spazzattura della storia la concezione antropocentrica della vita e del mondo ;
c)  correggere la visione individualistica universalizzante occidentale (presente anche nella  Dichiarazione Universale dei Diritti Umani dell’ONU del 1948) accoppiata al tecnocratismo elitista oggi dominante quasi universalmente, entrambi alla base delle visioni inuguali e escludenti degli esseri umani ;
d) mettere fine al rito sacrificale della vita che ogni anno colpisce  sull’altare della cresciata economica e del rendimento finnanziario centinaia di milioni di esseri umani e  migliaia di  altre specie viventi . Un rito sacrificale promosso ed organizzato dal sistema capitalista finanziario predatore e dalla globalizzazione guerriera.

Per realizzare la seconda certezza, l’umanità deve dimostrare di aver capito che come l’opera di distruzione della vita , in corso, non è principalmente il risultato di tante micro azioni locali, di microprocessi  e interrelazioni ma il risultato di macro principi e di macro sistemi, cosi l’opera di « costruzione di un nuovo, altro,  divenire » non puo basarsi principalmente sulla molteplicità di tante micro soluzioni e micro storie. Essa deve fondarsi su principi e processi di cambiamento audaci, generatori d’nnovazioni e di storie portarici di nuova giustizia, di nuovi vivere insieme, di nuova fraternità, di nuove forme di autogoverno e di mutualiismo.
Per questo, l’audacia utopica realista deve mettersi rapidamente al lavoro dando la priorità a
a) l’affermazione del principio del valore assoluto della vita, della sua sacralità e gratuità, non sottomissibile ad alcun altro crtierio di riferimento. Da qui, il divieto di poter brevettare il vivente a titolo privato ed a scopo di lucro  ;
b) l’obbligo da parte dell’umanità di salvaguardare e garantire il principio della rigenerazione della vita e della sua diversificazione, rendendo  illegale ogni forma di inquinamento e di contaminazione del vivente al di la dei fenomeni naturali e fuori del controllo umano  ;
c) il ripudio della guerra mettendo fuori legge la produzione, l’uso ed il  commercio delle armi ;
d) il rigetto della mercificazione della vita, della sua monetizzazione e finanziarizzazione speculativa ;  
e) il riconoscimento che tutti gli esseri umani sono abitanti della Terra con uguale dignità e uguali diritti e doveri  per cui nessun essere umano puo’ essere considerato abitante illegale della Terra, un clandestino ;
f) il principio che il diritto della vita ed alla vita è comune a tutti gli abitanti della Terra, tutte specie viventi comprese . Il diritto degli umani all’acqua « buona » per la vita coesiste con il diritto dell’acqua alla vita , e cosi via…;
g) il riconoscimento che spetta all’Umanità, soggetto istituzionale politico, di salvaguardare e curare come beni comuni pubblici (e servizi) mondiali quei beni e servizi, materiali ed immateriali, naturali ed artificiali, da essa considerati necessari,  indispensabili e non-sostituibili per la vita ;
h) la libertà, la garanzia e la promozione di forme avanzate di autogoverno da parte delle comunità umane a tutti i livelli
E’ compito intrinseco dell’Umanità di promuovere le pratiche individuali e collettive d cooperazione, collaborazione e fratellanza tra tutte le comunità di vita sui vari cammini  della comunità planetaria ad  orizzonti infiniti.

Riccardo Petrella, Contributo alla redazione della « Carta del’Umanità » , Agora degli Abitanti della Terra, Palau Saverdera,  
Catalonia, Spagna ,  13-16 dicembre 2018

Nessun commento:

Posta un commento

IL FORUM INTERNAZIONALE

A Verona la prima Agorà
degli Abitanti della Terra


Sono previste 200 persone da tutto il mondo. L'incontro veronese si situa nell'ambito della campagna "L'audacia nel nome dell'umanità". L'obiettivo è quello di redigere la Carta dell'Umanità per dare fondamento giuridico all'umanità e a un nuovo soggetto di diritto: l'abitante della Terra.
Tanti i protagonisti e i testimoni.

VERONA - Meno di un mese alla prima Agorà degli abitanti della Terra. Un programma denso di tre giornate che vedrà la partecipazione di circa 200 persone da varie parti del mondo, che da oltre un anno lavorano per la campagna "L’Audacia nel nome dell’Umanità”, lanciata dall’economista italo-belga Riccardo Petrella.
Saranno presenti anche volti noti dell’impegno sociale e culturale, come l’attore Moni Ovadia, il vescovo della Patagonia cilena Luis Infanti de la Mora, il teologo della liberazione latino-americana Marcelo Barros, il filosofo Roberto Mancini, la coordinatrice del Global Justice Network Francine Mestrum, nonché testimoni del Sud, come la mediatrice camerunense Marguerite Lottin, il medico indiano Siddhartha Mukherjee e Isoke Aikpitanyi, che si è liberata dal racket della prostituzione nigeriana e vincitrice del premio Donna dell’anno 2018.

L’evento “Agorà degli abitanti della Terra” è in realtà solo il primo passo di una iniziativa più ampia che ha come obiettivo il riconoscimento dell’Umanità come attore principale nella regolazione politica, sociale ed economica a livello globale. La sfida ambiziosa di stilare la Carta dell’Umanità, si pone come reazione costruttiva alle attuali spinte disgregatrici e divisive, che stanno rapidamente allontanando le persone dal riconoscersi parte della stessa “comunità umana” e dello stesso pianeta. Spinte che hanno portato nel tempo alla mercificazione di ogni forma di vita, alla privatizzazione dei beni comuni, alla monetizzazione della natura e ad un sistema finanziario predatorio, per citarne alcune.
Ecco allora che si è creato un nuovo spazio di dialogo e confronto, dove i gruppi promotori provenienti da Italia, Belgio, Francia, Germania, Portogallo, Spagna, Tunisia, Canada, Cile, Brasile e Argentina, presenteranno i loro lavori e si confronteranno su nuove proposte, in sessioni plenarie e parallele, presso il Monastero del Bene Comune di Sezano, sulle colline veronesi.

L'altro ambito di lavoro di questi giorni veronesi sarà l'istituzione (per il momento simbolica) di una “Carta d'identità mondiale degli abitanti della terra”. I Comuni potranno riconoscere che tutti gli esseri umani, radicati nei loro innumerevoli luoghi di vita sono abitanti di una stessa "comunità di vita” prima di essere cittadini di singoli stati. Finora i Comuni che hanno formalmente aderito sono: San Lorenzo (Argentina), Fumane e Canegrate (Italia), La Marsa (Tunisia), Palau Saverdera (Catalonia) oltre alla rete dei Comuni solidali (Recosol) e l'associazione nazionale dei Comuni virtuosi.

I temi previsti sono le diseguaglianze, l’impoverimento e l’esclusione sociale, il disarmo del sistema finanziario, la messa al bando delle armi, i beni comuni come l’acqua, il ripensare ad una collaborazione tra cittadini e organizzazioni non governative, e nuove visioni sul cammino dell’Umanità in questa fase di transizione.

GL